L’Ipnosi Dinamica, un nuovo percorso per il benessere

apr 28, 2012 by

Cosa sia questa tecnica e, prima ancora questo fenomeno, è per i più un mistero. Di certo, la spettacolarizzazione e la banalizzazione che ne fanno sedicenti maghi sui palcoscenici di TV e baracconi non ne aiuta la comprensione. Anzi, non fa altro che esaltare dicerie, pregiudizi e leggende che gravitano attorno all’ipnosi.

Prima di spiegare di cosa si tratta, vediamo di sfatare alcune di queste credenze: per ipnotizzare chichessia, innanzitutto, non è necessario possedere doti particolari o fluidi magnetici. L’ipnosi poi non è sonno. Non significa perdere la coscienza ne il controllo di se. Durante l’ipnosi non si parla (o lo si fa dopo un lungo o laborioso allenamento), non si rivelano segreti, ne si lasciano varchi da cui possano risalire traumi del passato o sensazioni da incubo.

L’ipnosi è essenzialmente un metodo particolare di comunicazione: non attraverso la parola monotona o ripetitiva che sia, ne per mezzo dello sguardo o facendo fissare un pendolino che oscilla. l’ipnosi è l’uso consapevole o involontario di una comunicazione che ci mette a contatto diretto con la fonte di tutti i nostri problemi psicologici: la sfera inconscia.

La ricerca sulla comunicazione ha dimostrato come toccamenti, gesti, suoni, rumori, variazioni della distanza interpersonale siano messaggi strutturati secondo un codice definito “analogico”, lo stesso insieme di principi che Sigmund Freud ha identificato nella produzione dei sogni, atti mancati, lapsus, ecc…

Quale veicolo migliore allora che usare proprio questi segnali non verbali per connetterci con l’inconscio? E’ questa la conclusione a cui è arrivato uno dei maggiori esperti italiani della materia lo psicologo Stefano Benemeglio che ha creato e divulgato il metodo dell’ipnosi Dinamica*.

Peraltro, l’osservazione minuziosa delle interazioni quotidiane ha dato ragione a questa intuizione, fornendo una prova empirica di come gli scambi a livello di gesti, sguardi, contatti, ecc. siano in alcuni momenti accompagnati da chiari segni di trance ipnotica. Da qui, si è capito che l’impiego del comportamento non verbale è il modo più naturale ed efficace di indurre un’ipnosi.

I vantaggi di questo innovativo metodo sono molteplici: è estremamente duttile, non richiedendo attenzione o concentrazione, aggira le resistenze della mente razionale. Inoltre funziona su tutti.

COS’E’ ESATTAMENTE LO STATO D’IPNOSI ?

L’IPNOSI è un fenomeno psicosomatico che coinvolge cioè sia la dimensione fisica, sia la dimensione psicologica del soggetto. È una condizione particolare di funzionamento dell’individuo che gli consente di influire sulle proprie condizioni sia fisiche, sia psichiche e sia di comportamento.

Per Milton Hyland Erickson (1901-1980), il famoso psichiatra fondatore dell’ ipnosi moderna (non direttiva o Ericksoniana), l’ipnosi non è altro che una condizione naturale che si verifica spontaneamente in diversi momenti della vita quotidiana (Common everyday trance, Haley 1978) e che può essere indotta nel pieno rispetto delle esigenze e delle capacità della persona.

Nello stato di ipnosi, l’essere umano si trova in una condizione di coscienza particolarmente recettivo. nel quale gli stimoli esterni non vengono solo percepiti per quello che sono: parole o immagini. Il nostro inconscio riesce ad elaborarli emotivamente, facendoci ritornare con la mente a fatti, percezioni e stati d’animo analoghi gia vissuti nel passato. Non è uno stato di incoscienza, quindi, ma una condizione di grande apertura emotiva

Facciamo un esempio concreto: il sogno ad occhi aperti.
Sicuramente vi è capitato di vivere un lucido sogno ad occhi aperti mentre ricordi, immagini e suoni fluiscono nella mente: tutto questo vi accade senza che perdiate il controllo di voi stessi!
Oppure vi sarà capitato che, mentre svolgete un lavoro, la vostra mente si estranea e rivive emozioni senza interferire nelle vostre capacità lavorative. Ebbene questo è lo stato ipnosi.

La comunicazione non verbale e il simbolismo comunicazionale nell’ipnosi Dinamica, sono sistemi induttivi e affascinanti. questo meraviglioso metodo che esclude la parola e fa di un segno e di un gesto un potente strumento di comunicazione nei procedimenti ipnotici.

Esprimere durante una induzione ipnotica i contenuti simbolici dei tre segni geometrici Asta, Cerchio, Triangolo, che rappresentano potenti archetipi, paterni, egocentrici e materni, vuol dire adottare una chiave di accesso rapida e diretta per stimolare l’emotività del soggetto così da indurre in tempi brevi lo stato di ipnosi.

 L’ipnosi Dinamica regressiva, dunque, è un valido aiuto per fare riaffiorare i conflitti e le frustrazioni di un passato che, per analogia e tramite la coazione a ripetere, condiziona il presente.

L’ipnosi Dinamica regressiva rende possibile in pochi incontri una ristrutturazione del passato permettendo di rivivere senza paura, per poterle poi superare, le esperienze relazionali traumatiche vissute nell’infanzia, adolescenza o altro periodo che condizionano negativamente il nostro presente/futuro.

Le applicazioni dell’ipnosi Dinamica sono molteplici:

  • Risolvere depressioni e somatizzazioni
  • Risolvere ansia, angoscia, attacchi di panico
  • Limitare ossessioni, fobie e paure
  • Affrontare anoressia e bulimia
  • Smettere di fumare in poche sedute
  • Dimagrire: risolvere fame nervosa e compulsioni alimentari
  • Affrontare: tradimento, gelosia nei rapporti di coppia
 
 

Related Posts

Tags

Share This

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi