La persuasione per educatori, insegnanti, docenti. Un corso a Torino.

gen 5, 2014 by

100_0196 

Corso di comunicazione persuasiva per educatori, insegnamenti, docenti.

Un occasione da non perdere grazie alla convenzione con la Provincia di Torino potrai frequentare i prestigiosi corsi di Emotivia condotti da professionisti docenti.

CO-FINANZIATI  DALL’UNIONE EUROPEA

Il corso è finanziato dalla Provincia di Torino con il concorso del Fondo Sociale Europeo, della Regione Piemonte e del Ministero delle Politiche Sociali.

I destinatari sono lavoratori OCCUPATI di imprese pubbliche o private, professionisti iscritti ad un albo, possessori di partita IVA, giovani e adulti INOCCUPATI/DISOCCUPATI.

La Provincia di Torino finanzia l’80% del costo del corso tramite VOUCHER mentre il 20% (132,00 euro) è a carico dell’allievo o dell’azienda (piccole imprese o piccoli comuni). Per le medie imprese la quota a carico del datore di lavoro è pari al 30% del costo totale del corso. I corsi sono finanziati al 100% dalla Provincia di Torino per: i lavoratori con ISEE inferiore a € 10.000 €, in cassa integrazione, in mobilità; giovani e adulti disoccupati  o inoccupati individuati dai servizi per l’impiego.

Corso: Tecniche di Comunicazione Analogica Non Verbale,  la Psicologia Pratica

I modelli comunicativi teorico-pratici della Psicologia Analogica sono stati più volte definiti “rivoluzionari” per la loro eccezionale e specifica valenza nel campo dei rapporti interpersonali: la Comunicazione Analogica permette infatti di instaurare un rapporto immediato e gratificante con coloro che ci circondano, creando quella corrente empatica che è la radice di ogni buon rapporto, sia professionale che privato.

La conoscenza di questi modelli amplifica le potenzialità comunicative, facilitando un’intesa che si struttura su due livelli: quello logico e quello emotivo. La particolarità delle discipline della Psicologia Analogica è da ricercare infatti proprio nella “gestione” della emotività: studio – analisi – valutazione – azione, permettono a chi applica le nostre metodologie di penetrare profondamente nell’architettura mentale degli interlocutori e rendere loro il “servizio emotivo” di cui anno bisogno.
Sappiamo tutti che è l’inconscio a governarci: riuscire a nostra volta ad interferire in qualche modo in questa azione di governo può certamente essere considerato un grosso successo.

Emotività e meccanismi comunicativi tendono, in un normale contesto, a creare difficoltà ad educatori ed insegnanti per eccesso di reattività; se poi esaminiamo i casi in cui i meccanismi comunicativi logici (quindi parola, espressione, pensiero) sono in qualche modo lesi da un handicap, provocando difficoltà di rapporto interpersonale, quali sono le armi di cui dispone l’educatore o l’insegnante? Come individuare L’ostacolo da superare per entrare in sintonia?
Per fortuna, molte utili tecniche sono state messe a punto dai ricercatori ed anno permesso di fare notevoli passi avanti per risolvere queste problematiche, mettendo a punto specifiche tecniche didattiche teorico – pratiche.

Per quanto riguarda le componenti emotive invece, tutto è basato su quello che si ritiene siano le necessità di questi ragazzi: ma si può affermare con certezza che quest’ultimo concetto sia valido nella totalità dei casi? Ci sentiamo di negare che, come per la maggior parte di noi, esistono individualità diverse con esigenze anch’esse diversificate?
Nel contesto dell’insegnamento “tradizionale” il docente /educatore, anche ben motivato, riesce a fatica (e non sempre ) a superare gli ostacoli che incontra in questo suo percorso, proprio perché la sua analisi interpretativa è basata sulla sola lettura dei modelli comunicativi logici, dai quali raccoglie le informazioni che determinano la strategia di approccio personale.

Il problema ovviamente si dilata in modo esponenziale nel caso di alunni / utenti “particolari”, la cui capacità comunicativa è ridotta.
Tecniche e metodologie citate in precedenza si sono certamente rivelate utili supporti, con risultati precedentemente anche significativi, ma siamo in grado di affermare che può essere fatto un ulteriore passo avanti con la conoscenza e l’applicazione delle tecniche della Comunicazione Analogica. Esse permettono infatti che il rapporto comunicativo possa svilupparsi su due canali: quello logico e quello emotivo: non si esamina e si opera quindi solo con la razionalità, ma anche (e soprattutto ) con la componente emotiva degli interlocutori.

Conoscere la realtà interiore profonda significa potersi proporre, poter operare e poter interagire con gli interlocutori secondo le loro reali necessità inconsce. Anche per questo motivo le nostre tecniche sono state definite “La comunicazione al di là della parola”.
La comunicazione, in senso lato, è diventata una scienza: il nostro istituto contribuisce a questa definizione con una metodologia che può anche essere indicata come psicopatologia della comunicazione.

GLI OBIETTIVI
Conoscere le esigenze emotive attraverso la comunicazione analogica non verbale del vostro utente o allievo, per poter registrare i loro sentimenti le loro falsità (difese) i loro conflitti.
Metodi pragmatici per gestire la comunicazione, per armonizzare le relazioni, ridurre le conflittualità, acquisire il consenso/assenso, stimolare il cambiamento.

PROGRAMMA DIDATTICO

- Elementi di psicologia Analogica

- L’emisfero razionale e quello emotivo

- I turbamenti dell’individuo

- L’Intelligenza Emotiva e il suo linguaggio

- I modelli interattivi della comunicazione

- La Comunicazione Non Verbale: segnali di tensione, gradimento, rifiuto.

- Canali di CNV: la prossemica, la cinesica, il paralinguistico, il digitale

- Il linguaggio del corpo

- Tipologia distonica dell’Essere e dell’Avere

- Il simbolismo comunicazionale: la psicologia evolutiva, la formazione della personalità

- La personalità e i suoi conflitti

- Le otto tipologie simboliche
- Le otto chiavi di accesso all’emotività
- Stimolatore penalizzante e gratificante

- Le strutture basi e le strutture alterate: le contraddizioni tra comportamento

e  appagamento

- Le dinamiche psicologiche del coinvolgimento: scoprire come e perché ci si innamora

e disinnamora

- Comunicazione informativa, coercitiva e interattiva

- La comunicazione ipnotica: la persuasione la seduzione

- La comunicazione Analogica: come ottenere il consenso e utilizzo finalizzato agli obiettivi.

- Laboratorio esperienziale.

Partendo dal presupposto che siamo noi gli artefici del nostro destino e che siamo noi a fare la differenza anche nelle situazioni avverse, dobbiamo adoperarci a  creare le condizioni per migliorare il nostro modo di vivere. Questo è lo scopo di Emotivia.

PER INFORMAZIONI SUL PROGRAMMA E SULLA FORMAZIONE didattica, scientifica contattare l’Istituto di Psicologia EMOTIVIA Tel 011.23.59.505 – Valter Gentili 334.320.97.96. TECNICHE DI COMUNICAZIONE  ANALOGICA NON VERBALE

Il corso avrà una durata di 60 ore suddivise in lezioni serali da tre ore caduna che si svolgeranno presso l’Associazione Emotivia (socio ENFIP PIEMONTE) Via Martorelli 21CTORINO

ISTRUZIONI PER ISCRIZIONE FINANZIATE: Per iscriversi e ricevere ogni ulteriore informazione, per effettuare la richiesta del voucher ed il test iniziale contattare l’ENFIP Piemonte via Fattori 77 – TORINO – Tel 011 799999  – Fax 011 7728038

 

Related Posts

Tags

Share This

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookies Policy. Info

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi