TEST SULLA PERSONALITA'

Domanda n. 9:

Immagina questa scena familiare molto comune e che potrebbe essere accaduta nella tua infanzia:

"Ti hanno regalato una nuova biciclettina, lucida e rossa come l'avevi sempre desiderata. Sei uscito a passeggio con i tuoi genitori che ti seguono mentre tu pedali più avanti. Improvvisamente la ruota della tua bicicletta tocca un sasso e ti fa perdere l'equilibrio mentre eri distratto.
Il risultato è un ginocchio sbucciato. Rimani a terra a guardare la tua ferita. Più indietro i tuoi genitori si sono accorti della tua caduta e sai che interverranno
."


Ora che sei adulto, ripensando ad un episodio simile, prova ad immaginare il seguito di questa storia. Pensa alle emozioni che possono essere affiorate nella mente di quel bambino mentre attende aiuto dai genitori.
Quale di queste soluzioni offerte pensi che sarebbe successa realmente a te da bambino, in quella occasione?

Risposta:

Si avvicina tua mamma, si prende cura di te. Tu ti senti protetto dai rimproveri di tuo papà che ti sgrida perché non guardavi in avanti pedalando!

Si avvicina tuo papà, ti prende in braccio e ti senti al sicuro. Intanto la mamma vuole a tutti i costi pulire la ferita prima che si infetti.
E tua mamma insiste anche se scalci.

Mentre attendi che si avvicinino entrambi, padre e madre, ti guardi la ferita e pensi che è hai sbagliato a pedalare senza guardare avanti.
Sai che è stata solo colpa tua se sei caduto.

Pensi che entrambi i tuoi genitori impieghino troppo per arrivare a darti soccorso, forse sottovalutano la gravità della caduta. Quando giungono vicino, ti senti offeso e vuoi che ti aiutino ma fai i capricci per reazione.

Nessuno dei tuoi genitori, ne padre ne madre, prevale nel consolarti o sgridarti. Sai che sei caduto per colpa di una tua leggerezza e rimani seduto a tenerti tra le mani il tuo ginocchio ferito.

Mentre i tuoi genitori si avvicinano ti senti arrabbiato. Magari la gente che passa si è messa a ridere vedendo la scena. Forse qualcuno di loro l'ha messo apposta quel sasso. Gli altri sanno essere molto cattivi, quando vogliono.
© 2004 - Emotivia - Istituto di Psicologia Emotiva- Torino
info@emotivia.it