TEST SULLA PERSONALITA'



 

Questo è il profilo psicologico della tua parte emotiva (il tuo inconscio).
Attenzione: la tua parte logica avrà difficoltà ad accettarlo!

Nell'infanzia tutti assegniamo inconsciamente un ruolo ai genitori. Nei primi mesi di vita riconosciamo nel padre o nella madre una figura con la quale saremo meno in armonia. Nell'infanzia della donna ASTA viene istintivamente riconosciuta nella figura paterna il genitore conflittuale. Nella figura materna, invece, l'ASTA vede il genitore "buono".

Hai conservato intatto questo imprinting e da adulta hai una conflittualità istintiva verso le figure maschili. Nei rapporti con gli uomini, infatti, rivivi un forte conflitto paterno.
La tua struttura psicologica si evidenzia in un atteggiamento giudicante, mortificante verso gli uomini. Assumi infatti il comportamento ideale che avresti desiderato in tuo padre. Hai un atteggiamento spesso molto aggressivo, esasperante se troppo marcato.
Potresti registrare serie difficoltà a gestire le relazioni sul lavoro con i colleghi maschi. La causa di questo è da imputare a delle coercizioni che hai effettivamente vissuto o che hai registrato a livello inconscio.

Nel rapporto affettivo, cerchi il conflitto nella competizione e sei tu a condurre il gioco. Ti poni in ruolo eccessivamente attivo, dominante. Un partner che non riesce a tenerti testa, presto ti decoinvolge fino a non considerarlo.

Ami possedere subito, non gradisci desiderare a lungo. Il tuo partner ideale deve essere prontamente disponibile per farti coinvolgere. Un uomo che non si nega, sarà più interessante di uno reticente che vuole farsi desiderare. Quest'ultimo rischia infatti di vederti presto rivolgere l'attenzione altrove.

Utilizzi un dialogo dai toni vivaci, basato sulla ricerca del consenso e dei punti di vista comuni. In genere hai un comportamento attivo nelle discussioni.
Hai una gestualità molto tipica che riporta al comportamento di un padre giudicante. Spesso, nel dialogo, ti esprimi scegliendo parole penetranti, dure, sei secca in affermazioni che non consentono repliche.
Punti spesso il dito ad asta con fare accusatorio e la tua stessa postura può risultare troppo rigida. Hai una stretta di mano non avvolgente, a dita tese. Con questa gestualità il tuo inconscio esprime al mondo intero il conflitto che hai vissuto con tuo padre, inutile cercare di evitarlo razionalmente: sarà sempre riconoscibile nei momenti di tensione.

Sul lavoro, dove ti proponi come leader, provi un forte disagio quando ti mettono in contrapposizione con gli uomini, soprattutto se ti accusano di sceglierti collaboratori inadeguati. Devi sapere, però, che il tuo inconscio ti fa avvicinare proprio le persone che ti ripropongono questa situazione. Ti crea tensione ma la vai a ricercare.

Frequenti volentieri le persone che ti forniscono aiuto, si sostituiscono a te nei compiti, magari mettendoti una mano sulla spalla nell'atto di offrirti sostegno. Non gradisci invece che altri ti accusino o assumano comportamenti giudicanti e replichino un comportamento paterno.
Chi ti fornisce invece consigli, pareri e indicazioni ti lascia indifferente. Se il tuo partner vorrà appoggiarti con continui consigli correrà il rischio di decoinvolgerti emotivamente.


Puoi aumentare la tua autostima riducendo il conflitto che vivi. Il percorso è nel riproporti gli episodi dell'infanzia che ti creano più disagio e tensione emotiva. Non tutti comprendono le tue posizioni assertive, scegli con maggiore accuratezza le persone con cui relazionarti. Lasciando spazio alla replica, potrai infatti valutare meglio le persone che ti circondano.
La tua comunicazione può essere migliorata ma per te non sarà difficile. Hai le capacità per imparare a comunicare efficacemente in modo che gli altri sappiano finalmente riconoscere la tua naturale posizione di leader.
La tua gestualità è generalmente vincente nelle relazioni affettive ma fai attenzione che sia gradita agli uomini che desideri, una comunicazione non verbale di rifiuto deve metterti in allarme: stai probabilmente relazionandoti con un uomo Asta, lo conquisterai con un atteggiamento più morbido.

© 2004 - Emotivia - Istituto di Psicologia Emotiva- Torino
info@emotivia.it